AccueilAccueil  Site GestionSite Gestion  PortailPortail  S'enregistrerS'enregistrer  Connexion  

Partagez | 
 

 Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2

Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Aller en bas 
AuteurMessage
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Lun 3 Nov 2014 - 14:42

Team Match-Colnago


Division 2
Sponsor principal :
Match, chaîne de supermarchés en Belgique, Luxembourg, France, Hongrie et DOM-TOM.
Sponsor secondaire : Colnago, constructeur italien de cycles.
Partenaire médias : http://cyclismerevue.blogs.sudinfo.be
Partenaires équipement : Colnago, Selle Italia, Shimano, Alfa Romeo.
Budget : 3.500.000€
Manager: Bugno2
Maillot :



Manager sportif:
Gianni Bugno


Directeurs sportifs:
Felice Gimondi

Le Team Match-colnago a engagé  Eddy Merckx  comme conseiller technique , je remercie Gimondi d'avoir pensé à lui.

Giovanni Battaglin



Membre d'honneur:
Laurent Fignon






communications managers :

Katy Perry


Sophie Marceau



Base : Avellino (Italie) et Huy (Belgique)




EFFECTIFS 2015 :
ARROYO DURAN David (ESP) 110.000€ >>> 167 PTS.
ARU Fabio (ITA) 1.250.000€ >>> 1498 PTS.
BATTAGLIN Enrico (ITA) 200.000€ >>> 120 PTS.
BOEM Nicola (ITA) 23.000€ >>> 87 PTS.
CATTANEO Mattia (ITA) 75.000€
CIAVATTA Paolo (ITA) T. 20.100€ >>> 39 PTS.
CUNEGO Damiano (ITA) 215.000€ >>> 329 PTS.
DANIELSON Tom (USA) 201.000€ >>> 127 PTS.
DE WEERT Kevin (BEL) 10500€
DEBUSSCHERE Jens (BEL) 400500€ >>> 798 PTS.
DEMOITIE Antoine (BEL) 144.000€ >>> 257 PTS.
DEVRIENDT Tom (BEL) T. 20.100€ >>> 60 PTS.
FORTIN Flippo (ITA) 16.000€ >>> 8 PTS.
FRISON Frederik (BEL) 4.500€ >>>
GOLAS Michal (POL) 78.000€ >>> 156 PTS.
MARANGONI Alan (ITA) 25.500€ >>> 64 PTS.
MARINI Nicolas (ITA) 20.000€ >>> 169 PTS.
PASQUALON Andréa (ITA) 88.000€ >>> 257 PTS.
PAUWELS Serge (BEL) 25.500€ >>> 281 PTS.
PIRAZZI Stéfano (ITA) 71.000€ >>> 121 PTS.
PREMONT Christophe (BEL) T. 10.100€
RAVASI Edward T. 5600€
SANTORO Antonio (ITA) 13.500€ >>> 26 PTS.
SALERNO Cristiano (ITA) 10500€ >>> 15 PTS.
SELVAGGI Mirko (ITA) 39.500€ >>> 81 PTS.
SILIN Egor (RUS) 95500€ >>> 137 PTS.
STERBINI Luca (ITA)10.500€
VACCHER Andréa (ITA) T. 10.100€
VALLEE Boris (BEL) 20.000€ >>> 236 PTS.
VAN MEIRHAEGE Jef (BEL) 7.000€ >>> 27 PTS.
VAN STAEYEN Michael (BEL) 350.000€ >>> 222 PTS.

...

TOTAL : 5346 POINTS


RESULTATS
TOUR DOWN UNDER
VALLEE 3ème de la dernière étape.
TOUR DE SAN LUIS
MARINI 4ème de l'étape 1.
G.P. LA MARSEILLAISE
DEMOITIE 3ème
TOUR DE DUBAÏ
BATTAGLIN 13ème du général
HERALD SUN TOUR
PAUWELS 12ème du général
G.P. COSTA DEGLI ETRUSCHI
SANTORO 11ème.
TROFEO LAIGUEGLIA
CUNEGO 16ème
SILIN 17ème

TOUR D'OMAN
PAUWELS 34ème du général.
VAN MEIRHAEGHE 3ème de la dernière étape.

CLASSIC SUD ARDECHE
ARROYO 13ème.
OMLOOP HET NIEWSBLAD
DEBUSSCHERE 12ème
SELVAGGI 29ème

G.P. LUGANO
CUNEGO 10ème
KUURNE-BRUXELLES-KUURNE
DEBUSSCHERE 7ème
DEMOITIE 12ème

STRADE BIANCHE
CUNEGO 16ème
DRIEDAAGSE VAN WEST-VLAANDEREN
SELVAGGI 5ème de la 1ère étape
VAN STAEYEN 3ème de la 2ème étape

PARIS-NICE
ARU 8ème de l'étape 4 + 39ème du général
GOLAS 25ème du général.

TIRRENO-ADRIATICO
DEBUSSCHERE 1er de l'étape 2  cheers + 3ème de l'étape 6 + 3ème du maillot vert
SALERNO 36ème du général.

HANDZAME CLASSIC
DEMOITIE 2ème
RONDE VAN ZEELAND SEAPORTS
VALLEE 9ème
CHOLET-PAYS DE LOIRE
DEMOITIE 4ème
MILAN-SAN REMO
GOLAS 86ème
SALERNO 89ème
BATTAGLIN 96ème

DWARS DOOR VLAANDEREN
DEBUSSCHERE 8ème
DEVRIENDT 24ème

CLASSICA CORSICA
VAN STAEYEN 6ème
SETTIMANA COPPI&BARTALI
SANTORO 13ème du général.
CUNEGO 14ème du général + 2ème de l'étape 4.

TOUR DE CATALOGNE
ARU 6ème du général + 5ème de l'étape 3 et 5.
DANIELSON 28ème du général + 1er à la montagne cheers
ARROYO 32ème du général

GAND-WEVELGEM
DEBUSSCHERE 5ème.
3 JOURS DE LA PANNE
DEBUSSCHERE 2ème de l'étape 1.
DEMOITIE 4ème de l'étape 2.
VALLEE 15ème du général.

VOLTA LIMBURG CLASSIC
BATTAGLIN 4ème.
CUNEGO 9ème.

TOUR DES FLANDRES
DEBUSSCHERE 25ème.
SELVAGGI 76ème.
MARANGONI 93ème.

SCHELDEPRIJS
MARINI 7ème
VAN STAEYEN 8ème
VALLEE 11ème
DEVRIENDT 21ème
VAN MEIRHAEGHE 24ème.

TOUR DU PAYS BASQUE
DANIELSON 33ème du général + 3ème de l'étape 5 + 3ème à la montagne.
PARIS-ROUBAIX
DEBUSSCHERE 9ème
VAN STAEYEN 108ème
DEVRIENDT 112ème

G.P. DE DENAIN
VALLEE 2ème
DEMOITIE 16ème.

AMSTEL GOLD RACE
CUNEGO 40ème
SELVAGGI 41ème
PAUWELS 46ème

LA FLECHE WALLONNE
PAUWELS 39ème.
TOUR DU TRENTIN
CUNEGO 5ème du général + 3ème de l'étape2 + 5ème de l'étape3.
PIRAZZI 11ème du général.
ARROYO 2ème de l'étape 4.

TOUR DE CROATIE
CIAVATTA 14ème du général.
TOUR DES APPENNINS
PIRAZZI 2ème
CUNEGO 3ème

TOUR DE TURQUIE
PAUWELS 5ème du général + 5ème de l'étape 3.
SELVAGGI 6ème du général.
BATTAGLIN 18ème du général.

TOUR DE ROMANDIE
DANIELSON 20ème du général.
SILIN 41ème du général.

VUELTA A LA COMUNIDAD DE MADRID
ARROYO 9ème du général.
TOUR DE BAVIERE
SILIN 20ème du général.
TOUR DU JAPON
MARINI 1er de l'étape 2 cheers +3ème de la 6.
WORLD PORTS CLASSICS
VAN STAEYEN 5ème de l'étape 2 + 9ème du général .
BOUCLES DE L'AULNE-CHÂTEAULIN
ARROYO 16ème
TOUR DE BELGIQUE
DEBUSSCHERE 3ème de l'étape 1 et 3
SILIN 3ème de l'étape 4

GIRO
ARU 1er de l'étape 19 cheers et 20 cheers + 3ème de la 5 + 4ème de la 8 et 15 + 6ème de la 4 + 7ème de la 16 + 10ème de la 9 + 2ème du général + 5ème à la montagne.
PIRAZZI 22ème du général.
MARANGONI 4ème de l'étape 10 + 159ème du général.
BOEM 1er de l'étape 10  cheers  + 159ème du général + 5ème au points.
BATTAGLIN 5ème de l'étape 7 et 12 + 8ème de la 3.
CUNEGO 9ème de l'étape 8.

LES BOUCLES DE LA MAYENNE
PASQUALON 1er de l'étape 1 cheers + 2ème de la 2 + 3ème de la 3 + 2ème du général .
TOUR DU LIMBOURG
DEBUSSCHERE 5ème.
TOUR DE COLOGNE
PASQUALON 7ème
VAN MEIRHAEGHE 14ème

STER ZLM TOER
DEBUSSCHERE 7ème du général + 4ème de l'étape 3.
VAN STAEYEN 4ème de l'étape 1.

ROUTE DE SUD
ARROYO 14ème du général
TOUR DE SLOVENIE
SILIN 12ème du général
TOUR DE SUISSE
DANIELSON 43ème du général.
GOLAS 46ème du général

CHAMPIONNAT D'ITALIE CLM
MARANGONI 4ème.
HALLE-INGOOIGEM
DEMOITIE 7ème
CHAMPIONNAT D'ITALIE
MARANGONI 20ème.
SALERNO 23ème

CHAMPIONNAT DE BELGIQUE
DEBUSSCHERE 14ème
CHAMPIONNAT DE POLOGNE
GOLAS 2ème
SIBIU TOUR
CIAVATTA 6ème du général.
FORTIN 2ème de l'étape1

TOUR D'AUTRICHE
SILIN 6ème du général + 1er CLME 1ère étape cheers

TROPHEE MATTEOTI
PASQUALON 2ème
BATTAGLIN 5ème

G.P. PINO CERAMI
DEVRIENDT 3ème
DEMOITIE 7ème

TOUR DE FRANCE
PAUWELS 13ème du général + 10ème GPM + 4ème de l'étape 11 + 9ème de l'étape 17.
GOLAS 95ème au général
DEBUSSCHERE 145ème au général.

TOUR DE WALLONIE
VALLEE 6ème du général + 4ème de l'étape 1.
DEMOITIE 11ème du général + 5ème de l'étape 1 + 4ème de l'étape 2.
VAN STAEYEN 4ème de l'étape 4.

TOUR DE BURGOS
SILIN 10ème du général.
TOUR DE POLOGNE
ARU 5ème du général + 5ème de l'étape 6.
TOUR DE L'UTAH
PIRAZZI 15ème du général.
ENECO TOUR
DEBUSSCHERE 22ème du général .
ARTIC RACE OF NORWAY
VAN STAEYEN 5ème de la 1ère étape.
G.P. STAD ZOTTEGEM
DEMOITIE 2ème
TOUR DU LIMOUSIN
PASQUALON 2ème de l'étape 1 + 7ème du général
TOUR DU POITOU-CHARENTES
VAN STAEYEN 3ème de l'étape 3.
G.P DE PLOUAY
DEBUSSCHERE 21ème
SCHAAL SELS
DEMOITIE 15ème
PARIS-BRUXELLES
VAN STAEYEN 5ème.
TOUR DE GRANDE-BRETAGNE
DEBUSSCHERE 13ème du général + 5ème de l'étape 3,4,6 et 8.
VUELTA
ARU vainqueur du Tour cheers + porteur du maillot de leader étape 11,12,13,14,15 et 20  + 2ème de l'étape 11+3ème de la 7 +4ème de la 9+5ème de la 15+9ème de la 14+10ème de la 2,16 et 17.
      + 6ème du maillot vert

ARROYO 12ème du général + 8ème de l'étape 19.
COPPA AGOSTONI
PASQUALON 6ème
PAUWELS 13ème

GRAND-PRIX DE WALLONIE
DEBUSSCHERE vainqueur cheers
GOLAS 18ème

COPPA BERNOCCHI
PASQUALON 11ème.
CHAMPIONNAT DES FLANDRES
GOLAS victoire cheers
DEBUSSCHERE 6ème
VALLEE 7ème

MEMORIAL MARCO PANTANI
PASQUALON 6ème
PAUWELS 19ème.

Omloop van het Houtland Lichtervelde
DEBUSSCHERE victoire cheers
CHAMPIONNAT DU MONDE
GOLAS 54ème.
LES TROIS VALLEES VARESINES
CUNEGO 8ème.
MILAN-TURIN
ARU 3ème
CUNEGO 6ème

TOUR OF ALMATY
ARU 2ème
TOUR DE L'EUROMETROPOLE
DEBUSSCHERE 11ème du général + victoire de l'étape 1 cheers
VAN STAEYEN 2ème de l'étape 3.
DEVRIENDT 5ème de l'étape 4.

GIRO DI LOMBARDIA
CUNEGO 23ème.
BINCHE-CHIMAY-BINCHE
VALLEE 19ème.
PARIS-BOURGES
DEVRIENDT 12ème
PASQUALON 18ème.

COPPA SABATINI
PAUWELS 12ème.
G.P. D'EMILIE
CUNEGO 4ème
PAUWELS 12ème

ABU DHABI TOUR
ARU 2ème du général + 2ème de l'étape 3.
NATIONALE SLUITINGPRIJS- PUTTE- KAPPELEN
DEBUSSCHERE 3ème.
TOUR DE CHINE 2
MARINI 2ème du général + victoire étape 2 cheers , étape 3 cheers , étape 6 cheers + 2ème de la 5 + 3ème de la 4.


Dernière édition par Bugno2 le Dim 18 Oct 2015 - 18:41, édité 97 fois
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Lun 3 Nov 2014 - 14:46

> HISTORIQUE

Effectif 2009 :

BANDIERA Marco (ita)>>>159pts
CALCAGNI Patrick (Sui)>>>29pts
CENTRONE Vincenzo (lux)>>>24pts
CUNEGO Damiano (ita)>>>1224pts
DA DALTO Mauro (ita)>>>34pts
DANIELSON Tom (Usa)>>>228pts
DE BONIS Francesco (Ita)>>>12pts
DEL NERO Jesus (Esp)>>>201pts
ELIJZEN Michiel (ned)>>>107pts
FERRARA Raffaele (Ita)
GENTILI Massimiliano (ita)>>>135pts
LONGO BORGHINI Paolo (ita)>>>66pts
MC CARTNEY Jason (usa)>>>50pts
POLAZZI Fabio (bel)
PRAZDNOVSKY Martin (svk)
PRIAMO Matteo (ita)
RICCIO Bernardo (ita)>>>48pts
ROSSELER Sébastien (Bel)>>>134pts
SANTAMBROGIO Mauro (Ita)>>>385pts
SANTAROMITA Ivan (sui)>>> 37 pts
SCHEIRLINCKX Bert (bel)>>>129pts
SCOGNAMIGLIO Carlo (ita)>>>172pts
STEURS Geert (bel)>>>76pts
TRAFICANTE Roberto (ita)
VANENDERT Jelle (Bel)>>>146pts
TOTAL: 3405pts

EFFECTIF 2010

AGNOLI Valerio (ita)>>>84 pts.
ARAMENDIA Javier (esp)>>>10 pts.
CACCIA Diego (ita)>>>32 pts.
CAPELLI Ermanno (ita)>>>40 pts.
CELLI Luca (ita)
CUNEGO Damiano (ita)>>>654 pts.
DANIELSON Tom (usa)>>>258 pts.
DEL NERO Jesus (esp)>>>7 pts.
FERRARA Raffaele (ita)>>>10 pts.
FRAPPORTI Marco (ita)>>>118 pts.
GENTILI Massimiliano (ita)>>>20 pts.
GIORDANI Leonardo (ita)>>>18 pts.
KOZONTCHUK Dmitry (rus)>>>30 pts.
LONGO BORGHINI Paolo (ita)>>>5 pts.
MAGAZZINI Enrico (ita)
ONGARATO Alberto (ita)>>>46 pts.
ORTEGA Manuel (esp)>>>42 pts.
PONZI Simone (ita)>>>66 pts.
RASCH Gabriel (nor)>>>71 pts.
SCHEIRLINCKX Bert (bel)>>>142 pts.
SCOGNAMIGLIO Carlo (ita)>>>33 pts.
SEROV Alexander (rus)
SELVAGGI Mirko (ita)>>>18 pts.
STEURS Geert (bel)>>>114 pts.
TIRALONGO Paolo (ita)>>>105 pts.
TOMEI Francesco (ita)
VIGANO Davide (ita)>>>48 pts.
ZEN Enrico (ita)>>> 31 pts.
TOTAL : 2002 PTS

EFFECTIF 2011 :

ALBERT Niels (bel)
BELLETTI Manuel (ita)>>> 442 PTS
BELLOTTI Francesco (ita)>>> 75 PTS
BERTHOU Eric (fra)>>> 24 PTS
CALLEGARIN Daniele (ita)
CUNEGO Damiano (ita)>>> 1088 PTS
DEL NERO Jesus (esp)>>> 14 PTS
DE NEGRI Pierpaolo (ita)>>> 57 PTS
DE WEERT Kevin (bel)>>> 197 PTS
DI GREGORIO Rémi (fra)>>> 172 PTS
FERNANDEZ CRUZ Delio (esp)>>> 25 PTS
GATTO Oscar (ita)>>> 366 PTS
GOLAS Michal (pol)>>> 140 PTS
GOURGUE Benjamin (bel)
GRENDENE Andrea (ita)>>> 21 PTS
GULDHAMMER Rasmus (den)
HABEAUX Gregory (bel)
HULSMANS Kevin (bel)
JEANNESSON Arnold (fra)>>> 181 PTS
KAISEN Olivier (bel)>>> 130 PTS
MAGAZZINI Enrico (ita)>>> 27 PTS
MARANGONI Alan (ita)>>> 123 PTS
PIRAZZI Stefano (ita)>>> 106 PTS
SCHEIRLINCKX Bert (bel)>>> 152 PTS
SCHETS Steve (bel)>>> 25 PTS
SELVAGGI Mirko (ita)>>> 62 PTS
STORTONI Simone (ita)>>> 260 PTS
TIRALONGO Paolo (ita)>>> 151 PTS
VANMARCKE Sep (bel)[/b]>>> 147PTS
VIGANO Davide (ita)[/b]>>> 59 PTS
TOTAL :4075 POINTS

EFFECTIF 2012 :

BATTAGLIN Enrico (ITA) (82.200) >>> 110 PTS
BELLETTI Manuel (ITA) (265.200) >>> 361 PTS
BERTAZZO Omar (ITA) (v50.000) >>> 72 PTS
BILLE Gaetan (BEL) (46.790) >>> 119 PTS
BRUSEGHIN Marzio (ITA) (v350.005) >>> 75 PTS
CESARO Roberto (ITA) (20.000)
CUNEGO Damiano (ITA) (1.200.000) >>> 830 PTS
DABROWSKI Jaroslaw (POL) (10.000)
DE MARIA Giuseppe (ITA) (v2 100005) >>> 28 PTS
DE NEGRI Pierpaolo (ITA) (v100.005) >>> 78 PTS
DE WEERT Kevin (BEL) (106.380) >>> 69 PTS
DI GREGORIO Rémi (FRA) (103.200) >>> 173 PTS
DRON Boris (10.000)
FORTIN Filippo (ITA) (107360) >>> 35 PTS
GALDOS ALONSO Aitor (ESP) (v200.005) >>> 81 PTS
GOLAS Michal (POL) (67.200) >>> 218 PTS
GULDHAMMER Rasmus (DEN) (v20.000) >>>
JEANNESSON Arnold (FRA) (108.600) >>> 222 PTS
MARANGONI Alan (ITA) (46.080) >>> 23 PTS
MASCIARELLI Francesco (ITA) (56.700) >>>
MILAN JIMENEZ Diego (ESP) (39.360) >>>
PAUWELS Serge (BEL) (v50.005) >>> 115 PTS
PREMONT Christophe (BEL) (10.000)
SARMIENTO TUNARROSA Cayetano josé (COL) (v130.005) >>> 72 PTS
SCHEIRLINCKX Bert (BEL) (54.720) >>>
SELVAGGI Mirko (ITA) (22.320) >>> 74PTS
TIRALONGO Paolo (ITA) (54.360) >>> 292 PTS
VAN HOECKE Justin (BEL) (10.000)
VANMARCKE Sep (BEL) (88.200) >>> 353 PTS
VIGANO Davide (ITA) (37.800) >>> 30 PTS
GENERAL: 3457 POINTS

EFFECTIF 2013 : 30 coureurs

AGOSTINI Stefano (ITA) (V1 82491) >>> 15 PTS
ALBERT Niels (BEL) (T 28/02 10000) >>>
ARROYO David (ESP) (P2 37800) >>> 243 PTS
BATTAGLIN Enrico (ITA) (P2 390161) >>> 170 PTS
BERTAZZO Omar (ITA) (P4 30240) >>> 133 PTS
BISOLTI Alessandro (ITA) (V1 100002) >>>
BILLE Gaetan (BEL) (P3 57120) >>> 149 PTS
BOEM Nicola (ITA) (V1 50001) >>> 43 PTS
CUNEGO Damiano (ITA) (1.001.000) >>> 327 PTS
DEBUSSCHERE Jens (BEL) (V1 100001) >>> 417 PTS
DE MARCHI Alessandro (ITA) (P1 43740) >>> 190 PTS
DE NEGRI Pierpaolo (ITA) (P4 32760) >>> 130 PTS
DELLE STELLE Cristian (ITA) (T 28/02 10000) >>> 11 PTS
DI CORRADO Andréa (ITA) (T 28/02 10000) >>> 82 PTS
GOLAS Michal (POL) (P3 104640) >>> 151 PTS
MADRAZO RUIZ Angel (ESP) (P1 272345) >>> 119 PTS
MARANGONI Alan (ITA) (P5 8280) >>> 58 PTS
PAUWELS Serge (BEL) (P5 41400) >>> 118 PTS
PERON Andrea (ITA) (P5 5400) >>> 30 PTS
PIEDRA PEREZ Antonio (ESP) (P3 60480) >>> 18 PTS
PIRAZZI Stefano (ITA) (P3 50400) >>> 202 PTS
PREMONT Christophe (BEL) (V1 30001) >>>
SAVINI Filippo (ITA) (T 28/02 30000) >>>
SILIN Egor (RUS) (V1 150001) >>> 88 PTS
SYS Klaas (BEL) (V1 20001) >>>
TIRALONGO Paolo (ITA) (P4 122640) >>> 65 PTS
VAN HOECKE Justin (BEL) (T 28/02 10000) >>> 12 PTS
VAN STAEYEN Michael (BEL) (P2 349491) >>> 449 PTS
VANMARCKE Sep (BEL) (P1 219604) >>> 443 PTS
ZIRBEL Tom (USA) (V1 140001) >>> 50 PTS
TOTAL : 3713 PTS.

EFFECTIFS 2014 : 28 COUREURS

AMORISON Frédéric (BEL)[/b] (T.10001) >>> 23 PTS.
BATTAGLIN Enrico (ITA)[/b] (800002) >>> 238 PTS.
BELLETTI Manuel (ITA)[/b] (300001) >>> 221 PTS.
BERTAZZO Omar (ITA) [/b](89103) >>> 20 PTS.
BISOLTI Alessandro (ITA)[/b] (40001) >>>
BOEM Nicola (ITA)[/b] (25000) >>> 47 PTS.
BONNAFOND Guillaume (FRA)[/b] (35101) >>> 11 PTS.
CUNEGO Damiano (ITA)[/b] (460001) >>> 355 PTS.
DAL SANTO Nicola (ITA)[/b] (18241) >>>16 PTS.
DELLE STELLE Christian (ITA)[/b] (T.40001) >>> 51 PTS.
DEBUSSCHERE Jens (BEL)[/b] (295000) >>>608 PTS.
DEMOITIE Antoine (BEL)[/b] (14961) >>> 240 PTS.
DRON Boris (BEL)[/b](14851) >>> 75 PTS.
GASPARRINI RINO (ITA)[/b](T. 20000) >>>
GOLAS Michal (POL)[/b] (67951) >>> 152 PTS
HULSMANS Kevin (BEL)[/b] (6001) >>> 6 PTS.
MADRAZO RUIZ Angel (ESP)[/b] (101000) >>> 127 PTS
MARANGONI Alan (ITA)[/b] (24361) >>> 60 PTS
MARINI NICOLAS (ITA)[/b] (T.5000) >>>
MUCELLI Davide (ITA)[/b] (60001) >>> 70 PTS.
PASQUALON Andrea (ITA)[/b] (100001) >>> 154 PTS.
PAUWELS Serge (BEL)[/b] (53101) >>> 50 PTS.
PERON Andrea (ITA)[/b] (15301) >>>37 PTS.
PIRAZZI Stefano (ITA)[/b] (151000) >>>124 PTS.
PREMONT Christophe (BEL)[/b] (6301) >>>
SELVAGGI Mirko (ITA)[/b] (52021) >>> 77 PTS.
SILIN Egor (RUS)[/b] (44881) >>> 176 PTS.
TONIN Stefano (ITA)[/b] (T.10001) >>>
VAN STAEYEN Michael (BEL)[/b] (325000) >>> 344 PTS
VANMARCKE Sep (BEL) [/b](325000) >>> 946 PTS
TOTAL : 4228 PTS


Dernière édition par Bugno2 le Dim 8 Nov 2015 - 12:57, édité 1 fois
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Mar 23 Déc 2014 - 19:14

Bardiani-CSF, Pirazzi sogna un 2015 alla grande: "Meno attacchi e più risultati"
04.11.2014 08:00 di Matteo Romano articolo letto 982 volte

Momento clou della stagione di Stefano Pirazzi è stata sicuramente il successo dal Giro d'Italia 2014. Una vittoria premio del carattere del corridore della Bardiani - CSF, da sempre abituato a lottare e a cercare fughe impossibili. Per il 2015, l'atleta laziale punta però a cambiare la propria condotta di gara, come confessa alla Gazzetta: "Meno attacchi e più risultati. Meno istinto e più ragionamento. Meno improvvisazione e più strategia".

Dopo il successo di tappa nella Corsa Rosa, il corridore azzurro ha pagato una condizione fisica non ottimale, che non gli ha più consentito di gareggiare come nelle sue intenzioni: "Ho pagato un inverno trascorso troppo tranquillamente. E così ho sempre dovuto rincorrere una condizione che non sono mai riuscito a raggiungere. Anche al Giro non andavo come avrei voluto o sognato. Per questo la tappa di Vittorio Veneto ha doppio valore: quello della vittoria e quello di averla ottenuta con una grande prova di carattere”.

Nella prossima stagione ci sarà da attendersi un Pirazzi alla riscossa, per vivere "un 2015 alla grande, fin dalle prime corse". Tra gli obiettivi prefissati, le due tappe del Giro 2015 che passeranno per Fiuggi, città natale dell'atleta ventisettenne: "Arrivo della tappa da Grosseto, partenza della tappa per Campitello Matese. Vincere in casa sarebbe il massimo della vita. Se si ripete il finale di due anni fa, ci sarà una salitella a 3-4 km dal traguardo, e lì un attacco non sarebbe azzardato”.

Nel concludere l'intervista Pirazzi cerca di delineare il suo vero profilo di corridore: "Da salita e anche da crono. Non da corse di tre settimane, ma di una settimana sì. Il mio forte è la passione, il mio debole è che, se c’è qualcosa che non va, mi demoralizzo".

Bardiani-CSF, Battaglin: "Sto lavorando per cambiare le mie caratteristiche"
A cura di Luca Pellegrini, Leonardo Ubrig Delfino e Riccardo Zucchi
03.01.2015 12:45 di Redazione Spaziociclismo Twitter: @SpazioCiclismo articolo letto 366 volte

Grandi motivazioni per il nuovo anno per Enrico Battaglin. Il corridore della Bardiani - CSF, considerato sin dai suoi inizi uno dei grandi talenti del nostro ciclismo, in queste prime stagioni da professionista ha faticato a trovare la giusta continuità, pur riuscendo ad ottenere risultati di assoluto prestigio come le due splendide vittorie di tappa nelle ultime due edizioni del Giro d'Italia, a riprova di un talento eclettico. Alla vigilia di una nuova stagione, il corridore vicentino si mostra intenzionato a cambiare questo trend, per compiere quel salto di qualità che tutti si aspettano da lui. Per farlo, sin dall'inverno un lavoro diverso, con la voglia di partire subito forte, lavorando inoltre sul proprio fisico in maniera diversa, per potenziare le proprie abilità in salita, cambiando così parzialmente le proprie caratteristiche. Più maturo, complice anche l'essere uno dei più vecchi in squadra, con responsabilità crescenti, il 25enne di Marostica è pronto ad una grande stagione.

Come è andato il primo ritiro?
Tutto bene. Ho fatto da martedì ad oggi. Abbiamo fatto dei test di valutazione e dei test qui in zona. Adesso ci sarà il periodo natalizio e poi si riprenderà.

Per te la stagione inizia prima essendo al via del San Luis...
Partirò l'otto gennaio. Faremo qualche giorno lì per allenarci e poi il 19 inizierà la corsa. Parteciperò per la prima volta in vita mia al Tour de San Luis, anche per essere più pronto agli appuntamenti che poi verranno.

Un'emozione correre con la maglia della Nazionale?
Sicuramente fa sempre piacere indossarla ed essere preso in considerazione dal ct.

Come prosegue la tua stagione?
Dopo l'Argentina dovrei fare Dubai e Qatar. In seguito non lo so; intanto abbiamo programmato questi due mesi e poi penso si ritornerà in Europa con le gare del calendario italiano.

Tirreno e Milano-Sanremo saranno comunque nei tuoi programmi?
Sì, dobbiamo ancora ricevere ufficialmente l'invito, perché penso lo faranno i primi di gennaio, ma penso non ci saranno problemi. Sicuramente sono degli obiettivi importanti e cercheremo di essere pronti.

A livello personale, con quale ambizioni parti per il 2015?
Sono un po' più motivato rispetto agli altri anni, anche perché sono in scadenza di contratto quindi devo darmi da fare. Inizio ad essere anche uno dei più vecchi qui dentro e quindi mi sento anche un po' più responsabile.

La stagione scorsa per la Bardiani è stata ottima e quest'anno forse l'asticella si alza un po' di più...
Lo scorso anno ci è andata oltre le aspettative. Oltre alle tre vittorie al Giro abbiamo vinto con otto corridori diversi in tutta la stagione. Quest'anno sicuramente i fari sono puntati ancora su di noi. Al Giro sarà dura ripetersi con tre tappe perché comunque lo scorso anno ci sono state delle coincidenze che hanno portato a queste tre vittorie. Per il 2015 speriamo di fare bene, ovviamente di essere invitati al Giro, ma credo non ci siano problemi. Quello che raccoglieremo poi si vedrà.

Al Giro nelle ultime due stagioni ti sei fatto trovare pronto, ma poi qualcosa è mancato nel resto della stagione. Come hai vissuto questa situazione?
Da due anni vado bene al Giro d'Italia però poi un po' mi perdo. Quest'anno nel finale di stagione sono andato meglio, ho fatto delle prestazioni buone però non all'altezza di quello che ho fatto vedere. Quest'anno spero sia l'anno della svolta, di partire bene e poi di esser costante con i risultati da gennaio a ottobre.

L'obiettivo è partire subito forte, magari togliersi già dalle prime corse una soddisfazione, lanciando un messaggio importante?
Sì, di esser davanti a lottare per la vittoria. Poi ovviamente non è facile vincere perché comunque chi sta bene non sempre vince. Essere lì davanti con piazzamenti e risultati importanti e far vedere una striscia di continuita che in questi due anni non c'è stata.

Hai visto un po' il percorso del Giro? C'è qualche tappa in particolare che ti piace?
Ho visto a grandi linee. Non ho analizzato ancora nel dettaglio tutte le tappe, ma di tappe per me ce ne sono. Sono contento che quest'anno sia tutto in Italia e sicuramente per i corridori ci saranno meno trasferimenti da fare. Punterò sicuramente sulla prima settimana, dove ci sono le tappe un po' più intermedie che mi si addicono. Poi vediamo se come lo scorso anno riesco a beccare una fuga su una tappa che diciamo non è tanto adatta a me posso far bene.

Nella tappa di Oropa hai dimostrato una buona tenuta ed una buona capacita di gestione. Può un po' essere questo il tuo punto di forza?
Diciamo che mi sono gestito bene nel finale e poi mi ha aiutato il fatto che davanti si attaccavano, quindi non andavano su costanti visto che continuavano a scattare e fermarsi. Io sono riuscito ad agganciarmi proprio nel finale e poi, quando sono arrivato là, sapevo che mi era rimasto qualcosa allo sprint. Diciamo che è un punto di partenza per far bene il prossimo anno su altre tappe di quel tipo.

A livello personale che bilancio tracci della tua stagione?
Sufficiente. Il problema che ho è che non sono costante con i risultati, però comunque nel finale di stagione non andavo male perché ci sono stati dei piazzamenti. Inoltre, aiuto sempre la squadra quando non sono al top, quindi mi do da fare. Certo che tutti da me si aspettano quel salto di qualità che spero avvenga nel 2015.

Sottolineavi di non aver avuto continuita, ti sei dato qualche ragione per questa mancanza?
Ho analizzato spesso questa cosa, ma un "capro espiatorio" non sono riuscito a individuarlo. Quest'anno ho cambiato un po' di cose e vediamo se i frutti verranno. Una buona partenza sarà sicuramente riuscere a partire magari leggermente un po' più magro per essere un po' più davanti in salita con i primi.

Si parlava di te come un corridore veloce che regge le salite. Invece nel 2014 hai dimostrato che la salita la tieni molto bene, forse anche più di quanto ti aspettavi. Voler tenere un po' più in salita significa trasformarti come corridore?
Sicuramente per tenere di più in salita bisogna dimagrire e di conseguenza magari perde un po' di potenza. Però comunque ho visto che anche nella tappa di Oropa, quando arrivi con degli scalatori qualcosa in più ce l'hai sempre, per cui ne trarrei comunque sempre vantaggio. Certo non è facile perché dovrei un po' cambiare le mie caratteristiche e ci sto lavorando.

Anche il modo di correre magari a quel punto: significa magari non aspettare più la volata, ma provarla ad anticipare per seguire un gruppetto più ristretto?
Sì, anche. Diciamo poi che quando si sta bene si è lucidi e si capisce cosa fare. Ci sono poi dei momenti in cui non sei al top e non riesci mai a comprendere il momento buono per fare la tua azione.

Una combinazione mente-corpo...
Certo. Mente, corpo, un po' di fortuna, condizione e giornata. Un po' un mix di tante cose.
ARU
Fino al Giro correrà poco: debutto in marzo, un paio di brevi corse a tappe e la Liegi. Al Giro correrà per vincere: non lo aiuterà la maxi crono di 60 chilometri, lo stimolerà il duello in montagna con Contador. Del suo 2015, Fabio Aru, astro già nato del ciclismo italiano, parla con serenità dal caldo ritiro di Calpe, in Spagna, senza nascondersi le aspettative e senza far promesse: è lo stile di un ragazzo di 24 anni che ha scaldato l’Italia per ciò che ha fatto e per come è fatto. E, soprattutto, per ciò che potrebbe fare.

Aru, cosa ha lasciato nel 2014?
«Una stagione importante, un passo avanti sotto il profilo dell’esperienza»

Tradotto?
«Due grandi corse a tappe non le avevo mai fatte, lottare con i più forti al mondo mi ha dato una consapevolezza diversa. Me la porterò dentro di qui in avanti».

Cosa ha capito?
«Tante cose: da come si fa a dar battaglia ai big alla pressione di correre al vertice, da come ci si comporta nel clima estremo, come la neve e il caldo torrido, a come si gestisce la preparazione per un grande giro».

Dove può arrivare?
«Io do il meglio di me, poi vedo. Mi preme migliorare: che l’ultimo anno sia stato più proficuo di quello precedente è già un risultato importante».

Migliorarsi nel 2015 vuol dire...
«Ve lo dirò nell’intervista che faremo nel gennaio 2016».

L’anno scorso è andato sul podio al Giro e ha battuto i grandi alla Vuelta: la vera impresa l’ha fatta in Spagna, non crede?
«Il Giro, col terzo posto e la vittoria a Montecampione, è stato un grande risultato. Ma la Vuelta aveva il sapore di un banco di prova speciale: si trattava di riconfermarsi, di rifare la preparazione sapendo di aver già fatto bene. Servivano testa e grandi motivazioni. Mi sono allenato tanto, poi in Spagna e ho lottato alla pari con Contador, Rodriguez, Froome: è la cosa che mi ha soddisfatto di più».

Confessi: riguarda mai quelle tappe?
«Ogni tanto sì: mentre corri la Vuelta, non hai il tempo di metabolizzare ciò che fai. Lo faccio per curiosità: la voglia di fare meglio c’è sempre».

Ha fatto vacanza?
«Una decina di giorni, al caldo. Poi subito in bici».

Anche a Natale?
«Specialmente a Natale. Ho passato dodici giorni in Sardegna, mi sono dedicato a famiglia e amici senza mai tralasciare gli allenamenti».

Come ha iniziato l’anno?
«Con un trasloco. Sono andato ad abitare a Lugano, con la mia fidanzata Valentina: i primi giorni sono stati impegnativi».

Avrà un vicino di casa pronto a tirarle il collo in allenamento...
«Già, Vincenzo (Nibali, ndr). Ci sono abituato, da lui si impara sempre».
Dove ha messo le sue bandierine per questa stagione?
«Il Giro è il primo obiettivo. Poi, con la squadra, abbiamo preferito non programmare il resto della stagione: potrebbe essere il Tour come la Vuelta».

Ipotesi: fa centro al Giro e Nibali le chiede di aiutarlo al Tour. Cosa risponderebbe?
«Sarebbe un privilegio e un piacere far parte della squadra che correrà il Tour. Vincenzo si ripresenterà in Francia da numero uno: sarebbe una grossa soddisfazione accompagnarlo. Ma è presto per decidere: ho solo 24 anni, non c’è fretta».

Aru, cosa promette ai tifosi?
«Sapete bene che non prometto mai nulla se non il massimo impegno. Voglio cercare di fare meglio del 2014: se riuscirò a far appassionare al ciclismo qualche persona in più, sarò ancora più contento».

PROFESSIONISTI | L’imminente Giro del Trentino Melinda (21-24 aprile) ha tutti gli ingredienti per diventare una delle corse a tappe più spettacolari della stagione. In attesa della presentazione ufficiale, che avrà luogo l’8 aprile a Trento, si delinea la lista delle squadre che prenderanno parte alla 39a edizione, e grande è l’attenzione attorno alla Astana di Fabio Aru, in vista di un probabile testa a testa con Richie Porte (Team Sky), ghiotta anteprima del Giro d’Italia.

“Il Giro del Trentino è un appuntamento cruciale prima del Giro d’Italia” - ha esordito Aru. - “È una corsa che ho sempre amato, ancor prima di passare professionista in quanto si adatta alle mie caratteristiche. Conosco bene il Trentino e le sue strade: ci sono venuto in vacanza e i panorami sono bellissimi. È sempre un piacere tornarci, anno dopo anno, e sin dall’inizio della stagione, quando ho stilato i programmi assieme alla squadra, l’ho inserito tra le corse alle quali intendevo partecipare”.

Il 24enne di Villacidro (Medio Campidano) cercherà di seguire le orme del suo compagno di squadra Vincenzo Nibali, che vinse l’edizione 2013 del Giro del Trentino Melinda e subito dopo ottenne un successo storico al Giro d’Italia. Questo precedente potrebbe dare allo scalatore sardo un’ulteriore iniezione di fiducia. Per Aru la prossima sarà la terza partecipazione al Giro del Trentino. In ciascuna delle precedenti edizioni ha chiuso tra i primi 10 della Classifica Generale.

“Ho partecipato per la prima volta al Giro del Trentino due anni fa” - spiega il portacolori dell’Astana - “e sono arrivato quarto. Ricordo che Vincenzo (Nibali) non era ancora al top ma riuscì ugualmente a vincere, e dopo a ripetersi al Giro d’Italia. Chi va forte in Trentino, solitamente è competitivo anche al Giro. L’obiettivo è quello di arrivarci in crescita di condizione: intendo onorare la gara e puntare al miglior risultato possibile. Il mio programma procede senza intoppi” - aggiunge Aru. - “Ho fatto il debutto stagionale alla Parigi-Nizza e sono abbastanza soddisfatto. Appena finito il Catalunya, la mia preparazione continuerà in altura sul Teide. Dopodiché solo Trentino e forse la Liegi prima del Giro”.

Al Giro del Trentino Melinda, Aru avrà di fronte un avversario fortissimo: Richie Porte. Il trentenne australiano, 6 vittorie all’attivo nel 2015 e recente vincitore della Parigi-Nizza, sta vivendo una delle migliori stagioni della sua carriera e rappresenta un test molto importante in funzione delle ambizioni di Aru. I due rivali avranno l’opportunità di confrontarsi su un percorso perfetto per valutare il loro stato di forma: dopo la cronosquadre di apertura, la sfida si accenderà nel tappone che si conclude a Brentonico e continuerà nelle tappe successive, senza un attimo di respiro. “Ho studiato il percorso e dopo la cronosquadre penso che ci saranno tre tappe buone per scrivere la classifica. La frazione di Brentonico, con l’ascesa del Monte Velo, si preannuncia molto impegnativa”, ha concluso Aru.








Dernière édition par Bugno2 le Mer 25 Mar 2015 - 13:16, édité 5 fois
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Mar 23 Déc 2014 - 19:17

Conosciamo meglio...Enrico Battaglin
Il nuovo appuntamento con le intervista di SpazioCiclismo.it è con uno dei corridori dilettanti più vincente e promettente del panorama italiano ed internazionale. Nella propria categoria fa la differenza: Enrico Battaglin (Zalf-Desirèe-Fior).
15.04.2011 20:30 di Lorenzo Storti articolo letto 8338 volte

E' nato il 17 novembre 1989 a Marostica (VI), ma vive a Molvena (VI). Porta lo stesso cognome di quel Giovanni Battaglin che vinse Giro d'Italia e Vuelta di Spagna nel 1981, ma non è suo figlio e non sono nemmeno parenti. Enrico Battaglin ha fatto vedere nel 2010 un talento cristallino, vincendo tra le altre corse il Gp San Giuseppe, la 1^ Tappa - Giro delle Regioni, la Classifica generale - Giro delle Regioni, ed il Gp Comunità di Capodarco, che lo hanno portato a guadagnarsi una maglia azzurra per i mondiali di Geelong. Corre per la Zalf-Desirèe-Fior, ed oltre ad essere considerato un big nella categoria dilettanti, è indicato dagli addetti ai lavori come uno dei più grandi talenti del ciclismo italiano. Insomma annotatevi questo nome per il futuro, perchè Enrico anche in questo 2011 ha iniziato alla grande conquistando 3 vittorie finora, e sembra non ha alcuna intenzione di fermarsi. La stoffa c'è, e si vede.

Ciao Enrico, e grazie per essere con noi di Spaziociclismo.
Ciao a tutti e grazie a voi.

La prima domanda è un must, come è cominciata la tua avventura in bicicletta?
Ho iniziato a correre grazie a mio padre Gianni, da sempre appassionato di ciclismo. La mia prima gara è stata nella categoria G1 a 6 anni dove mi sono piazzato al 5° posto.

La tua trafila nelle giovanili?
Nella categoria giovanissimi ho cambiato 3 squadre per motivi di lontananza. Poi sono passato negli Esordienti al Cyclo Team Cassola 2000, negli Allievi / Junior nella Sandrigosport e poi da Under nella Zalf.

Quando hai capito che il ciclismo sarebbe potuto essere la tua strada?
Nella categoria under sicuramente. La bici per me fino alle categorie giovanili, è stato uno sport da praticare dopo la scuola.

Presentati un po' per chi non ti conoscesse. Che tipo di corridore sei? Che caratteristiche hai?
Mi considero un passista-scalatore però mi trovo molto bene anche nei percorsi misti.

Guardando avanti...ti senti un corridore da classiche o da corse a tappe?
Classiche decisamente.

Qual'è il tuo punto forte e dove invece senti di poter migliorare ancora?
Il mio punto forte sono le salite medio lunghe ed i percorsi nervosi con arrivi a ranghi ristretti. Soffro il classico” arrivo in salita” e le cronometro.

Corri con la Zalf-Desirèe-Fior, squadra che ha tenuto a battesimo in passato campioni del calibro di Fondriest, Savoldelli, Basso, ecc. Cosa significa per te? Come ti trovi?
Correre per la zalf è sempre stato un sogno nel cassetto fin da giovane. Questa squadra è una grande famiglia nella quale crescere atleticamente e maturare come persona. Sono felice di aver ricambiato tutta la fiducia dei miei tecnici con un 2010 davvero esaltante.

Dopo i primi positivi anni da dilettante nel 2010 sei esploso: 8 vittorie, con i trionfi al Gp Capodarco, al Giro delle Regioni e alla Milano-Rapallo in maglia azzurra. Cos'è cambiato? Cosa ti ha permesso di fare il salto di qualità?
Penso sicuramente ad una mia maturazione fisica. Nei primi due anni da under avevo fatto sempre delle belle stagioni ma mi mancavano le vittorie di peso. Per me il 2010 è stato l’anno della svolta.

Un voto secco al 2010? Da 0 a 10...
9.

C'è chi ti indica come uno dei maggiori talenti del ciclismo italiano. Ti senti un astro nascente?
Astro nascente no. Nella categoria dilettanti ho vinto molto e di qualità. Spero di ripetermi anche nei professionisti anche se sarà molto molto più dura.

A fine anno poi è arrivata la partecipazione al Mondiale di Geelong. Che esperienza è stata per te correre con la maglia azzurra?
E’ stata una esperienza straordinaria sotto tutti i punti di vista.

Ora arriva il 2011, e c'è da riconfermare l'ottimo 2010. Obiettivi?
Riconfermarmi ai livelli dello scorso anno.

La tua corsa preferita?
Capodarco – Piccola San Remo.

E il sogno nel cassetto?
Vincere una classica tra i professionisti.

Hai deciso quindi: “da grande” farai il ciclista professionista?
Sì.

Quando non ti alleni e non sei in gara, hai degli hobby?
Sì, e molti…ho una forte passione per i videogames e l’informatica.
Durante l’estate mi piace pescare e girare con la mia motocross.

Finiamo come abbiamo iniziato, con una domanda di rito. Per te andare in bicicletta cosa significa?
E’ diventato uno stile di vita particolare insieme all’essere il mio lavoro

Conosciamo meglio...Stefano Pirazzi
22.06.2010 21:00 di Andrea Mazzucchi articolo letto 4399 volte

Oggi conosceremo meglio il forte corridore professionista laziale Stefano Pirazzi.
Pirazzi classe '87, dopo aver corso l'ultima stagione tra gli under23 difendendo i colori della UC Palazzago, è passato quest'anno con la squadra di Bruno Reverberi, la Colnago-CSF, ha partecipato già a corse importanti e ha avuto la grande soddisfazione di finire, nonostante la frattura dello scafoide, l'ultimo Giro d'IItalia dominato da Ivan Basso.
Ma andiamo a conoscerlo meglio...

-Ciao Stefano, Quando hai iniziato la tua avventura nel ciclismo, e come?
Ho iniziato ad andare in bici all'età di 6 anni, con la squadra del mio paese, la polisportiva Fiuggi.

-Come sta andando questo tuo primo anno tra i professionisti?
Quest'anno sta andando benissimo, fino ad ora per essere al primo anno tra i professionisti ho gia fatto parecchie gare di livello.

-Hai finito il giro d'Italia correndo 13 tappe con una frattura dello scafoide, insomma volevi proprio finirlo il giro?
Si, il mio obbiettivo principale era quello di finire il Giro e di farmi vedere in qualche tappa andando all'attacco, ci sono riuscito abbastanza bene anche se correndo con una frattura non e stato facile.

-Da under eri sempre all'attacco, tra i professionisti stai cercando di cambiare il tuo modo di correre o ci provi sempre ad entrare nelle fughe?
Al momento sto correndo come tra i dilettanti anche perchè sono ancora giovane ed è importante farsi notare, poi in futuro cercheremo di essere piu' tattici.

-Com'è stato il salto di categoria da under a prof?
Diciamo che per ora l'ho gestito abbastanza bene.. la differenza ta le due categorie c'è ma con l'impegno negli allenamenti e la giusta passione cerchiamo di far in modo che questa differenza sia minima.

-Gli obbiettivi per il finale di stagione?
Sicuramente l'obiettivo principale sarà quello di rimettermi presto, dovrò fare un intervento chirugico allo scafoide, praticamente bisognerà mettere una vite e poi vedere i tempi di recupero,spero di riprendere al piu presto per vedermi ancora all'attacco.

-Qual'è la vittoria più importante che hai ottenuto in carriera?
La vittoria più bella sicuramente la tappa Porto Recanati-cingoli al Giro delle Regioni lo scorso anno con la maglia azzurra.

-A quale campione del ciclismo ti ispiri?
Il campione che mi ha entusiasmato è stato sicuramente Pantani il suo modo di correre e le sue imprese sono rimaste nella mia mente.

-La corsa dei tuoi sogni?
Il Giro d'Italia.

-Pensi che esista il doping a livello giovanile? E secondo te il ciclismo sta facendo il massimo per combattere questa piaga?
Il ciclismo è l'unico sport che sta facendo una grande battaglia a questo problema.

-Proviamo a conoscerti meglio, nel tempo libero cosa ti piace fare? Hai altre passioni oltre al ciclismo?
Il mio tempo libero lo dedico a mio figlio Edoardo e alla mia compagna Serena.

-Il tuo sogno nel cassetto?
Vincere qualche tappa al Giro d'Italia

Grazie per la disponibilità, SpazioCiclismo.it ti augura una pronta guarigione

Conosciamo meglio... Cristiano Salerno
04.04.2013 21:00 di Luca Pellegrini Twitter: @LucaPell90 articolo letto 4033 volte

Per la nostra rubrica "Conosciamo meglio" abbiamo con noi oggi Cristiano Salerno, nato a Imperia il 18 febbraio del 1985. Scalatore puro, si è messo in evidenza qualche settimana fa sulle strade della Volta a Catalunya, vincendo la maglia di miglior scalatore. Professionista dal 2006, vanta nel suo palmares due vittorie di tappa e la classifica finale del Giro del Giappone nel 2010, quando militava nella De Rosa di Fabio Bordonali. Da tre anni ormai alla corte di Roberto Amadio, si è affermato come uno dei più validi gregari della Cannondale, soprattutto quando la strada sale.

Ciao Cristiano e grazie di essere con noi. Come ti sei avvicinato al ciclismo?
Ciao! Mi sono avvicinato al ciclismo quasi per caso. Usavo la bici come mezzo di trasporto (non avevo ancora l'età per lo scooter), e mi divertivo ad allungare in giro per gli sterrati nella zona. E' stato grazie ad un amico che correva, che ho iniziato a gareggiare in MTB. Avevo 14 anni: aveva notato che pur senza allenamento padalavo già bene in salita e così mi presentò al suo DS, Flavio Faedo. Mi diede subito fiducia e ricordo che il momento più bello fu quando ricevetti il giorno dopo il completino della squadra. Ero al settimo cielo! Da lì iniziò la mia avventura, in MTB fino al primo anno da junior (con un secondo posto al campionato italiano e la vittoria finale agli internazionali d'italia) e su strada dal secondo anno Junior, con la squadra svizzera di Fidi.bc di Fabrizio Biaggi e Sergio Introzzi.

Sei passato professionista nel 2006 con la Tenax di Fabio Bordonali e con lui hai corso fino al 2010: come ti sei trovato nel team?
Sono passato dopo due anni da dilettante. Ripensandoci, di esperienza nelle corse su strada ne avevo veramente poca, ma Fabio Bordonali decise di darmi subito fiducia e per questo gli sarò sempre grato (a dire il vero prima avevo firmato per la nuova squadra che doveva nascere sulle ceneri della Fassa Bortolo, ma poi saltò tutto). Ebbi la fortuna di avere in squadra al primo anno corridori come Petito e Baldato, due veri maestri di vita, dai quali imparai molto. La squadra poi sì è evoluta negli anni, diventando LPR nel 2008-2009 e De-Rosa nel 2010. Io ho sempre avuto i miei spazi, l'unico rammarico è stato di aver praticamente saltato la stagione 2008 a causa di una tendinite e anche l'inizio della stagione 2009 per lo stesso problema.

Come è stato il primo impatto con i professionisti?
Non troppo traumatico. Il vero problema è stato abituarsi alle diverse tattiche di corsa e soprattutto al fatto che non si gareggia con continuità come nelle categorie giovanili o da dilettante. Si alternano periodi intensi a periodi in cui si sta tanto a casa, per cui diventa fondamentale imparare a gestirsi da soli sia nella vita e che negli allenamenti. E questo, a vent'anni, quando non si è maturi al 100%, può diventare un problema.

Tra il 2009 e il 2010 a livello individuale hai colto piazzamenti importanti alla Tre Valli Varesine e l'anno dopo al Challenge Calabria, al Giro di Sardegna, al Giro di Turchia, fino alla vittoria del Giro del Giappone. Cosa è cambiato per te dopo quelle stagioni?
Come ho detto prima venivo da un 2008 in cui ero stato praticamente fermo e un inizio di 2009 difficile a casusa di una tendinite. Ero arrivato al punto della svolta, se non avessi dimostrato a me stesso qualcosa, credo avrei smesso. Mi sono rimboccato le maniche e nell'estate del 2009 sono riuscito a cogliere i primi piazzamenti importanti, correndo quasi sempre da protagonista. Nel 2010 sono finalmente riuscito a partire senza intoppi fisici e anche sulla scia dell'entusiasmo di una squadra rinnovata e senza vincoli di "scuderia", ho iniziato a credere di più nei miei mezzi e riuscire a fare una buona classifica in varie gare come hai elencato.

Dal 2011 hai fatto il salto di categoria passando alla Liquigas - Cannondale. Quali sono state le tue prime sensazioni?
Una voglia di fare grandissima! Ero stato ingaggiato dalla squadra che l'anno prima aveva vinto Giro e Vuelta e, nonostante non fossi io un capitano, sentivo una forte responsabilità. Poi l'ambiente si è dimostrato da subito eccezionale, tutti molto affiatati e uno staff molto professionale. Diciamo che in una squadra così un corridore deve pensare esclusivamente a pedalare, al resto ci pensano gli altri.

Nelle ultime due stagioni hai preso parte al Giro d'Italia, prima al fianco di Nibali nel 2011 e l'anno scorso con Ivan Basso, dove come squadra siete sempre stati protagonisti anche se è mancata la vittoria finale. Quale è stato il primo impatto con la corsa rosa?
Nel 2011, l'anno dell'esordio al Giro, un'emozione grandissima, iniziata circa un mese prima quando ho avuto la certezza della partecipazione. Quasi non ci credevo! All'inizio non ero sicuro di essere all'altezza, ma poi le 21 tappe sono volate via! Quando si è concentrati immersi nella corsa, con la tantissima gente che si vede tutti i giorni, non ci si accorge del tempo che passa!

Quest'anno ti rivedremo al via di Napoli?
Per ora sto effettuando il programma di corse per un avvicinamento ottimale al Giro, ma la decisione finale spetterà alla squadra, in base alle esigenze e scelte tattiche.

In questi anni sei diventato uno dei gregari più affidabili della squadra. Come ti trovi in questo ruolo?
E' un ruolo che mi piace, perchè ho la possibilità di fare le gare più importanti e supportare corridori di primissimo piano. E' una grande responsabilità, perchè sì diventa parte fondamentale dei successi del capitano e per me è come una vittoria! C'è da dire che in alcune gare la squadra dà sempre la possibilità a tutti di fare la propria corsa. Quindi ogni tanto basta solo approffittare delle occasioni.

Pochi giorni fa ti sei tolto la soddisfazione di vincere la maglia di miglior scalatore alla Volta a Catalunya. Quali saranno i tuoi prossimo obiettivi del 2013?
Ho un programma basato su corse sempre adatte alle mie caratteristiche, quindi ogni occasione è buona, chiaramente con un occhio di riguardo per i grandi Giri. I prossimi impegni saranno Giro dei Paesi Baschi (dove purtroppo si è ritirato durante la prima tappa, ndr) e Giro del Trentino.

C'è un corridore in squadra con il quale hai legato maggiormente?
Sinceramente vado d'accordo con tutti, diciamo che ho sempre la tendenza a legare con i "giovani" della squadra.

Quale è la corsa che sogni un giorno di vincere?
Il sogno sarebbe il Giro d'Italia..... Ma per ora mi accontenterei anche di una tappa!

Il ricordo più bello della tua carriera da ciclista?
Sempre l'ultimo, quindi, a ora, la maglia di miglior scalatore al Catalunya.

Scendendo dalla bicicletta, come è Cristiano Salerno nella vita di tutti i giorni?
Un ragazzo a cui, quando è possibile, piace divertirsi e uscire la sera e soprattutto stare all'aria aperta, possibilmente in sella ad una moto!

Un tuo pregio ed un difetto?
Direi che a volte potrebbe essere entrambi: sono abbastanza testardo.

Un ringraziamento a Cristiano Salerno per essere stato con noi e un augurio, da parte di tutta la redazione per i prossimi appuntamenti.

I Volti Nuovi del Gruppo, Luca Sterbini: "Corro sempre per andare in fuga e quando ci riesco anche di portarla a termine"
27.12.2014 19:00 di Riccardo Zucchi Twitter: @Tsukky1990 articolo letto 289 volte

Sesto appuntamento con I Volti Nuovi del Gruppo, la rubrica che presenta i neoprofessionisti della stagione 2015. Questa sera abbiamo con noi Luca Sterbini, che dal prossimo anno difenderà i colori della Bardiani - CSF. Nato a Olevano Romano il 12 novembre 1992, il corridore romano questa stagione nella categoria degli Under23 ha corso con la maglia del Team Pala Fenice riuscendo a vincere tre corse ed è riuscito ad esser convocato, anche se con il ruolo di riserva, per la prova a cronometro Under23 dei Campionati del Mondo di Ponferrada.

Come ti sei avvicinato al ciclismo?
Mio padre e mio zio erano due cicloamatori e quindi mi hanno trasmesso questa passione sia a me che a mio fratello (Simone ndr). Abbiamo iniziato così per gioco, quasi per scherzo, fino a quando non abbiamo incontrato un direttore sportivo di Fiuggi e abbiamo iniziato a correre dalla categoria Allievi.

Che tipo di corridore sei?
Sono un corridore che corre molto all'attacco. Cerco sempre di andare in fuga e quando ci riesco anche di portarla a termine. Questa stagione ho vinto tre corse e nel Gp Firenze-Empoli sono stato tutto il giorno in fuga mentre nelle altre due occasioni sono riuscito a vincere con un tentativo nel finale.

Quale delle tre vittorie è quella a cui sei più legato?
La Firenze-Empoli è quella a cui tenevo di più perché due anni fa avevo cercato di fare lo stesso tipo di gara e mi avevano ripreso a 8 chilometri dal traguardo. Due anni dopo riprovare con la stessa azione e riuscire a portarla a termine è stata una emozione molto importante.

Hai qualche rimpianto per quanto riguarda la stagione scorsa?
Sì, qualche rimpianto c'è. Specialmente nel finale di stagione ho raccolto meno di quello che volevo. La corsa in cui ci sono rimasto "più male" è il Piccolo Giro di Lombardia, dove sono caduto quando ero con i primi e quando sono rientrato sul primo gruppetto già erano andati via Moscon e gli altri due.

È il coronamento di un sogno quello di passare professionista insieme al proprio fratello?
Sicuramente è qualcosa di fantastico. Fra di noi ci sono solo sedici mesi di differenza e abbiamo condiviso tutto nella vita. Realizzare e condividere insieme un sogno che si ha fin da bambini, perché credo che tutti quelli che corrono in bici vogliono diventare professionisti, è una bellissima emozione.  

Nel 2014 hai partecipato al campionato nazionale a cronometro Under23 ottenendo il quinto posto. Lavorerai ancora su questa disciplina?
Certo. È una di quelle discipline che voglio sicuramente curare visto che sono ben portato per la cronometro. Poi è uno di quei settori che mi piace e mi entusiasma lavorarci sopra. Al campionato nazionale sono arrivato quinto ma rientravo da un infortunio e quindi la preparazione era quella che era. Poi ho avuto l'occasione di partecipare alla cronometro del Campionato Europeo dove sono arrivato sedicesimo ma con un tempo molto vicino a quello dei primi otto.

Sei stato poi convocato per la prova a cronometro dei Campionati del Mondo di Ponferrada dove però hai svolto il ruolo di riserva. Hai qualche rimpianto oppure sapevi che le scelte erano già quelle?
Rimpianti alla fine no. Più che altro per come stava andando il finale di stagione mi aspettavo qualcosa di più per la strada però le scelte le fa il ct ed è lui che sceglie i migliori corridori e quelli che per lui sono più in forma. Quindi alla fine nessun rimpianto e anzi sottolineo come al Mondiale abbiamo fatto una buona figura perché sono convinto che se Moscon non cadeva era lì sul podio.

Cosa ti spaventa maggiormente del passaggio fra i professionisti?
Un po' tutto, perché ti trovi a correre con corridori che vedevo da piccolo in televisione. Quindi andranno visti i ritmi e altri aspetti. Le mie prime corse saranno il Dubai Tour e il Tour of Qatar e sinceramente non so cosa mi aspetta. Sicuramente mi preparerò al meglio per arrivare lì e ben figurare.

Oltre al Dubai Tour e il Qatar conosci il resto del calendario per questa prima parte di stagione?
Dovrei fare il Trofeo Laigueglia. Poi il resto ancora non è stato deciso.

Hai un corridore al quale ti ispiri?
Il mio idolo è sempre stato Jan Ullrich perché lo vedevo in televisione e mi è sempre il suo modo di andare a cronometro.

La corsa che sogni un giorno di vincere?
La Milano-Sanremo, mi piace troppo come corsa.

Un tuo pregio e un tuo difetto?
Come pregio diciamo che fin dalle categorie giovanili mi sono sempre messo s disposizione della squadra, non mi sono fatto problemi perché sono molto generoso. Per quanto riguarda il difetto direi che sono molto permaloso.

Ringraziamo Luca per essere stato con noi. A nome di tutta la redazione di Spazio Ciclismo i migliori auguri per la sua prima stagione tra i pro' e per la sua carriera.

I Volti Nuovi del Gruppo, Nicolas Marini: "Cercherò di imparare dalla gente più esperta di me"
16.01.2015 20:00 di Luca Pellegrini Twitter: @LucaPell90

Dodicesimo appuntamento con i Volti Nuovi del Gruppo, la rubrica che presenta i neoprofessionisti della stagione 2015. Questa sera abbiamo con noi Nicolas Marini, uno dei talenti che dal prossimo anno difenderà i colori della NIPPO - Vini Fantini - De Rosa. Nato a Iseo in provincia di Brescia il 29 luglio 1993, è stato uno dei grandi protagonisti della stagione 2014 con la maglia della Zalf, conquistando 8 vittorie che si sommano alle 9 centrate nel 2013. Velocista puro, avrà la possibilità di testarsi tra pochi giorni sulle strade del Tour de San Luis.

Ciao Nicolas, grazie per essere qui con noi. Siamo alle porte della nuova stagione, come ti senti?
Mi sento abbastanza bene, sono uscito dal primo ritiro con una buona gamba ho cercato di mantenere la forma dato che tra meno di una settimana si debutta. Spero di fare subito bene ma visto che sono giovane non ci sono pressioni. Cercherò di imparare dalla gente più esperta di me.

Un esordio importante in una corsa di alto livello come il Tour de San Luis.
Mi hanno detto che è una buona gara per debuttare. Correrò con Cavendish e Quintana che fino ad ora ho visto solo in televisione, vediamo come va. La gamba è buona proverò a fare le volate e arrivare entro il tempo massimo nelle altre tappe. Comunque andrà sarà una bella esperienza.

Come ti trovi in squadra?
Mi sono trovato bene, più che una squadra è una famiglia. Mi hanno detto che quando vai tra i professionisti ti lasciano allo sbando e non ti seguono più e invece qua siamo seguitissimi e mi trovo bene.

Che obiettivo ti poni per il 2015?
Imparare tanto dalla gente più esperta di me, provare ad ottenere qualche risultato in qualche corsa minore e crescere dal punto di vista atletico.

Cosa ti spaventa maggiormente del passaggio tra i professionisti?
Il chilometraggio diciamo che è un po' un punto di domanda. Da dilettante non ho affrontato gare da più di 200 chilometri, vediamo come li reggo è tutto da scoprire.

Negli ultimi due anni hai ottenuto molte vittorie, quale ricordi con maggior piacere?
Due successi mi hanno soddisfatto tanto. La Popolarissima, perchè c'era un po' di tensione visto che era una corsa organizzata dalla Trevigiani e venivo da tre vittorie consecutive. La pressione su di me era tanta perchè loro era da dieci anni che vincevano e sono riuscito a portarla a casa. È stata una bella vitoria soprattutto per la squadra. Anche la Milano - Busseto perché non era adattisima alle mie caratteristiche ma sono riuscito a resistere sulle salitelle che c'erano e ho vinto allo sprint. Quella mi è piaciuta particolarmente.

A proposito di salite, come te la cavi quando la strada sale?
In generale faccio tanta fatica come altri velocisti. Cercherò di migliorare ma è difficile visto che non bisogna perdere lo spunto. Vediamo cosa riusciremo a fare.

La corsa dei tuoi sogni?
L'ultima tappa del Tour de France ai Campi Elisi. Il percorso per arrivare lì è lungo e proviamo a percorrerlo tutto.

Conosci il tuo calendario per il seguito della stagione?
Andrò a Donoratico e poi dovrei fare delle corse in Belgio (Omloop Het Nieuwsblad, Kuurne-Bruxelles-Kuurne e Driedaagse van West Vlaanderen ndr) a inizio marzo e Tour de Taiwan. Poi bisognerà vedere la condizione.

C'è una corsa in particolare nella quale vorresti far bene già da quest'anno?
Non saprei, essendo il primo anno in categoria è tutto da scoprire. Non pongo un obiettivo fisso visto che non conosco bene le corse dei professionisti e quali sono adatte a me. C'è tanto da imparare.

Con che ricordo lasci la Zalf?
Ho un buon ricordo perché è la squadra che mi ha permesso di passare al professionismo e di vincere 17 corse in due anni ,che da dilettante non sono poche. Quest'anno siamo andati via in parecchi e hanno dovuto praticamente rifondare la squadra da zero con buoni corridori come Toffali, Toniatti, Moscon. Mi ha lasciato un buon ricordo e spero di aver lasciato loro un buon ricordo. Spero che facciano bene anche quest'anno.

Lo scorso anno sei stato protagonista delle volate assieme ad un altro giovane che è passato professionista con la Southeast.
Mareczko è un amico, siamo stati compagni di squadra tra gli juniores alla Aspiratori Otelli ci sentiamo spesso. Mi aggiorna su come gli vanno le tappe è passato anche lui speriamo di fare insieme come lo scorso anno e giocarci noi le volate.

Al Tour de San Luis potrete già rendere difficile la vita a Cavendish...
Proviamo (ridendo ndr)

Come ti sei avvicinato al ciclismo?
In famiglia nessuno ha mai corso in bici, a momenti non sapevamo neanche che esistesse il ciclismo. A 7 anni un amico di mio papà ha visto le mie gambe, che sono più grosse del normale, e gli ha detto di portarmi a correre. Mi hanno iscritto ad inizio dell'anno ma non sono più andato perchè giocavo a calcio nella squadra di paese. Tornati dalle vacanze mia mamma dice a mio padre di portarmi a provare visto che ero stato iscritto. Ho fatto la prima corsa e non sapevo neanche agganciare pedale. Sono arrivato secondo e da lì è nata un passione che ora è diventata il mio lavoro.

Da velocista sei abituato a vincere. Con il passaggio tra i professionisti cambierà un po' tutto, ti preoccupa la prospettiva di dover aspettare del tempo per alzare le braccia al cielo?
Già al primo da dilettante non riuscivo a vincere ma non ho perso il morale. E' una cosa che non mi spaventa.

In squadra avete Colli che ha disputato diverse volate. Ti ha dato qualche consiglio?
Abbiamo provato a parlare anche di quello però lui a San Luis non ci sarà perchè ha un programma un po' diverso. Comunque ci sono altri corridori che potrebbero aiutarmi e far bene a loro volta nelle gare.

Ringraziamo Nicolas per essere stato con noi. Da parte di tutta la redazione un grande in bocca al lupo per la sua carriera tra i professionisti.


Dernière édition par Bugno2 le Ven 16 Jan 2015 - 20:09, édité 1 fois
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Jeu 1 Jan 2015 - 11:59

Cunego 1er janvier 2015.

https://www.youtube.com/watch?x-yt-ts=1421828030&feature=player_embedded&v=BoP_cSQN5vM&x-yt-cl=84411374#t=0
1 - Damiano Cunego: Dopo una vita in Lampre, il Piccolo Principe cambia vita. Reduce da due stagioni piuttosto difficili, in cui qualcosa non ha funzionato fisicamente come mentalmente, l'ormai 33enne veronese ha deciso di accettare la proposta della NIPPO - Fantini, una squadra che farà di lui il suo capitano in strada, il suo esempio per i giovani e il suo uomo-immagine. Un progetto che fa dell'etica, da sempre uno dei punti cardine della carriera del veronese, punto di partenza, affiancandolo ad una attività sportiva di primo piano. Nuova realtà e nuovi stimoli potrebbero dunque ridare quel quid che gli è mancato negli ultimi anni, partendo dall'entusiasmo dell'ambiente che lo circonda, che gli ha manifestato grande fiducia sin dai primi contatti. Con un calendario meno dispersivo rispetto a quello di una squadra WorldTour, più facile sarà anche la possibilità di focalizzarsi su obiettivi più precisi, come Giro d'Italia e Lombardia, nei quali già in passato ha dimostrato di poter primeggiare. Respirare aria nuova fa sempre bene, magari regalando una nuova giovinezza. Malgrado due stagioni difficili, Cunego resta uno dei grandi nomi del ciclismo internazionale: se dovesse ritrovare la gamba e la testa giusta ne vedremo delle belle.

1er dossard avec le maillot NIPPO.


Après la chute au giro .


Dernière édition par Bugno2 le Jeu 28 Mai 2015 - 20:42, édité 1 fois
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Mer 20 Mai 2015 - 9:30

1ère victoire pro. de Marini (2ème étape du tour du japon)
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Mer 20 Mai 2015 - 9:33

Victoire de Boem à la 10ème étape du Giro.
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Jeu 2 Juil 2015 - 16:37

Le podium de Fortin (2ème) sur la 1ère étape du Sibiu Tour.
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Ven 7 Aoû 2015 - 21:34

CUNEGO au Tour de Burgos.

Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Mar 18 Aoû 2015 - 17:45

Antoine Demoitié, 2e à Zottegem: important pour les prochaines échéances!


ZOTTEGEM, 1808/2015 – Antoine Demoitié (Wallonie-Bruxelles) a signé mardi sa 2e deuxième place de la saison au GP Stad Zottegem. L’épreuve, animée par plusieurs attaques, a vu émerger 4 hommes à 15 kilomètres du but -Kenny Dehaes (Lotto-Soudal), Elias Van Breuseghem (Verandas Willems), Oliver Naesen (Topsport Vlaanderen-Baloise) et Antoine Demoitié (Wallonie-Bruxelles). Malgré les tentatives de jonction de plusieurs poursuivants, les attaquants ont pu aller au bout de leur effort. Le sprint final a été favorable à Kenny Dehaes. Antoine Demoitié, qui avait intégré le groupe de tête à une centaine de kilomètres du but, a signé son 2e accessit de la saison après celui à la Handzame Classic. On rappellera que Demoitié est déjà monté 5 fois sur le podium cette saison (hors kermesses), dont deux fois sur la plus haute marche, avant sa 2e place de ce mardi à Zottegem. Voir son palmarès de la saison.

Antoine Demoitié: «Nous sommes d’abord partis à 27 à quelque 100 kilomètres de l’arrivée. Le groupe s’est réduit à 14 dans un premier temps et puis à 4 à 15 kilomètres du but. Oliver Naessen a essayé plusieurs fois de fausser compagnie mais sans succès. Nous arrivons à 4 dans le dernier virage, à 200 mètres de la ligne. Dehaes lance et je le remonte sans toutefois pouvoir le battre mais de justesse. C’est même un peu frustrant. Je suis satisfait de cette prestation qui prouve que je suis en excellente forme. J’avais coupé après le championnat de Belgique et le stage d’équipe à Livigno au début juillet m’a réellement fait du bien. Je l’ai d’ailleurs très vite prouvé avec une 3e place à la kermesse de Dentergem, un bon GP Cerami et un bon Tour de Wallonie. Je n’avais certes plus roulé depuis la PolyNormande mais je m’étais bien entraîné et le résultat est là. Voilà qui est très rassurant avant les prochaines échéances importantes que sont, entre autres, le GP Scherens de ce dimanche, le Tour Poitou-Charentes, la Brussels Classic, et le Grand Prix de Wallonie».
Revenir en haut Aller en bas
Bugno2
Vainqueur du Tour
Vainqueur du Tour
avatar

Nombre de messages : 5529
Age : 54
Localisation : Ampsin (Belgique)

MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   Dim 13 Sep 2015 - 21:00

La victoire de ARU sur la vuelta.
Revenir en haut Aller en bas
Contenu sponsorisé




MessageSujet: Re: Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2   

Revenir en haut Aller en bas
 
Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2
Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Revenir en haut 
Page 1 sur 1
 Sujets similaires
-
» Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2
» Team Match-Colnago (TMC) - Bugno2
» Team Match-Colnago [TMC] - Bugno2
» Team Match-Colnago
» Team Match-Colnago (D2)

Permission de ce forum:Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum
Jeu Transferts - Forum :: Transferts :: Equipes :: Equipes 2015-
Sauter vers: